Continuare ad essere vicini in questo momento di emergenza si può… – la riapertura in Fase 2

Dopo il periodo di lockdown, in cui la Caritas diocesana ha comunque continuato il suo impegno di accompagnamento delle situazioni attraverso i canali telefonici, via internet e con la collaborazione delle associazioni del territorio e delle istituzioni, dall’ultima settimana di maggio gli uffici hanno ripreso l’attività al pubblico su appuntamento.

Gli appuntamenti possono essere fissati personalmente in via del Seminario, 36 oppure telefonicamente, contattando lo 0574 34047, dal lunedì al venerdì, fra le 9:00 e le 13:00.

Per il rilascio delle tessere Emporio occorre ugualmente fissare un appuntamento telefonando sempre allo 0574 34047 tutte le mattine dal lunedì al venerdì, in orario 9:00 – 13:00.

__________________________________________

Aggiornamento 20 aprile 2020

Pur non essendo semplice mantenere a pieno regime i servizi di ascolto ed accoglienza durante il periodo di particolare difficoltà che stiamo vivendo, la Caritas di Prato sta cercando di trovare il modo di garantire la propria vicinanza alle persone che hanno varie necessità.

Il nostro centralino è operativo ogni giorno dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00 per ascoltare le richieste delle persone e per cercare di trovare una possibile soluzione alle difficoltà attuali. L’ascolto, che è uno strumento fondamentale per la Caritas, in questo momento viene per quanto possibile realizzato telefonicamente, per evitare il più possibile lo spostamento da casa delle persone. La perdita del contatto fisico sappiamo quanto non sia banale per chi desidera parlare con qualcuno, ma adesso è quanto mai opportuna.

A questo proposito il centro di ascolto comunica che ARERA, l’autorità di gestione di Energia, Reti e Ambiente, coerentemente con il decreto della Presidenza del Consiglio – ha prorogato al 3 maggio i provvedimenti con i quali aveva definito nelle scorse settimane il blocco delle procedure di sospensione delle forniture di energia elettrica, gas e acqua.
Il provvedimento di proroga conferma il blocco dei procedimenti di morosità fino al 17 maggio 2020, per i clienti bassa tensione dell’energia elettrica, i clienti domestici del gas nonché per i non domestici purché con consumo non superiore a 200.000 Smc/anno. Per il settore idrico il provvedimento fa riferimento a tutte le tipologie di utenze domestiche e non domestiche.
Al termine del periodo di proroga, i fornitori dovranno riavviare le procedure di costituzione in mora dei clienti/utenti finali, rispettando i tempi di preavviso previsti dalle regole settoriali (energia, gas, acqua). La prima comunicazione di sollecito o di costituzione in mora dovrà contenere – essendo stati confermati i criteri di rateizzazione definiti con la delibera 117/2020/R/com – l’offerta al cliente/utente di poter rateizzare i relativi importi senza il pagamento di interessi. Si veda anche la pagina https://www.arera.it/it/com_stampa/20/200430.htm#

L’Emporio della Solidarietà in questo periodo è regolarmente aperto, secondo i suoi orari (lunedì, mercoledì e giovedì dalle 10 alle 18, martedì dalle 13 alle 17 e giovedì dalle 10 alle 14, questi ultimi due giorni anche per le tessere riservate ai neonati), con tutte le misure di prudenza che impone la situazione.

This image has an empty alt attribute; its file name is WhatsApp-Image-2020-03-16-at-16.10.01-768x1024.jpegIl Laboratorio di via Magnolfi ha chiuso la sua attività al pubblico. Le operatrici, che inizialmente avevano iniziato a produrre mascherine, ma che per necessità avevano dovuto prestare il loro servizio in altri ambiti Caritas, a breve potranno tornare operative presso il Laboratorio, sempre in osservanza dei decreti ministeriali che saranno promulgati di volta in volta. Una delle scadenze più impegnative sarà quella della produzione delle tuniche per la celebrazione delle Prime Comunioni che, presumibilmente, sarà possibile durante il mese di settembre.

In queste ultime si sta osservando un periodo di isolamento volontario, in quanto a ciascun ospite è stato chiesto di rispettare liberamente le norme ministeriali rimanendo in casa, in modo da garantire il più possibile l’incolumità di tutti i presenti. Non è una situazione facile da gestire, soprattutto a Casa Betania, dove gli spazi, pur essendo uno stabile piuttosto grande, sono percepiti con il passare del tempo sempre più stretti. Anche qui gli operatori ed i volontari stanno offrendo del loro meglio per mediare le esigenze di tutti e stabilire un clima di buone relazioni.

Stiamo cercando di creare un coordinamento con le istituzioni e le altre associazioni di volontariato e realtà caritative in modo da realizzare un servizio di consegna della spesa e dei farmaci a casa. Le richieste saranno filtrate dai servizi sociali esclusivamente attraverso il numero verde 800 301650, raggiungibile tra le 9 e le 14.

Grazie a tutti coloro che si stanno mettendo in gioco per essere vicini il più possibile a chi rischia di essere dimenticato in questa emergenza, le persone più fragili e più esposte alla solitudine. E non dimentichiamoci di pregare per tutti…

La visita del Vescovo Giovanni presso l’Emporio del 15 aprile 2020. Mons. Nerbini, ha manifestato il proprio apprezzamento nei confronti dei tanti volontari impegnati in una gara di solidarietà verso le famiglie più bisognose che, a causa della pandemia, diventano sempre più numerose.

Spot di ringraziamento e richiesta prodotti e servizio sull’Emporio trasmesso durante il TGR Toscana

 

Permanent link to this article: https://www.solidarietacaritasprato.it/wordpress/continuare-ad-essere-vicini-in-questo-momento-di-emergenza-si-puo/