Fondo di Solidarietà per l’emergenza Covid19 – “Il Buon Samaritano”

Il Fondo #ILBUONSAMARITANO vuole essere un segno di vicinanza alle famiglie che vivono un momento di difficoltà economica a causa dell’attuale emergenza Covid che sta avendo fortissime ripercussioni su tutto il territorio diocesano. La Diocesi di Prato, con Caritas diocesana, promuove tale iniziativa, gestita attraverso l’Associazione “Insieme per la Famiglia” Onlus per garantire la correttezza delle procedure e rendicontarne l’utilizzo. Questo fondo non vuole essere alternativo all’impegno delle parrocchie nel farsi carico delle varie situazioni di difficoltà, tanto meno sostituirsi alle misure messe in campo dallo Stato, dalla Regione e dai Comuni, ma vuole integrarle cercando di aumentarne l’efficacia e sostenere al meglio le persone che lo ricevono.

Il fondo viene alimentato da risorse diocesane, donatori privati, associazioni, istituti bancari e fondazioni. Le parrocchie e i sacerdoti, pur essendo già in campo con molte azioni di vicinanza alle persone colpite da questa emergenza, possono contribuire ad un’azione di prossimità ed essere elemento fondamentale in quanto intercettatrici dei bisogni.

Destinatari

Tutti i beneficiari del Fondo avranno come carattere comune la difficoltà dovuta all’emergenza legata espressamente al Covid-19:

  • Famiglie che hanno avuto una diminuzione del reddito familiare (anche a causa della perdita del familiare che era fonte di reddito);
  • Famiglie che a causa di spese impreviste (es. sanitarie, per la gestione della casa, ecc..) si sono trovate a vivere una fatica di tipo economico;
  • Disoccupati a causa della crisi Covid-19 (ad esempio dipendenti a tempo determinato, il cui contratto è scaduto nel mese di marzo 2020 e a cui non è stato rinnovato);
  • Lavoratori precari (es. contratti a chiamata, occasionali, soci di cooperativa con busta paga a zero ore,…);
  • Lavoratori autonomi che hanno visto la riduzione o la cessazione della propria attività;
  • Lavoratori dipendenti in attesa della cassa integrazione, qualora la banca non abbia concesso l’anticipo.

Qui puoi scaricare la documentazione completa e la domanda di ammissione al Fondo.

Un primissimo bilancio delle attività

L’iniziativa del Fondo di Solidarietà “Il Buon Samaritano” è partita ufficialmente il giorno 11 giugno e fino al 31 luglio sono state raccolte 108 domande.
Nelle tre commissioni riunite per la valutazione (30 giugno, 17 luglio e 21 luglio) sono state discusse 56 richieste. Di queste, 41 hanno avuto esito positivo e le quote erogate, in ordine di frequenza, sono servite soprattutto per rispondere al pagamento degli affitti domestici, per le spese di condominio, per pagare le utenze di casa e per sostenere gli affitti dei fondi commerciali (per le attività con partita iva).

13 domande sono state respinte per mancanza di requisiti, 1 sospesa dalla commissione in attesa di integrazione dei documenti, 1 indirizzata al Centro di Ascolto perché il fondo non è lo strumento idoneo per dare l’aiuto richiesto. Di questa parte di pratiche, 24 riguardano cittadini italiani e 17 cittadini esteri.

Ci sono poi 27 domande che non sono arrivate in commissione perché, dopo l’ascolto da parte dell’operatore addetto (telefonico o in presenza), ci si è resi conto che non erano rispettati i parametri del progetto.

5 pratiche sono in sospeso per la mancanza di documenti da parte dei richiedenti, mentre 10 sono già complete e in attesa di essere valutate dalla commissione che ripartirà a settembre.

Nel frattempo ci sono 10 persone che hanno fatto richiesta online o telefonica e che devono essere ricontattate per verificare se dare l’appuntamento per istruire la pratica vera e propria.

Per le domande accolte, sono stati messi a disposizione dei richiedenti un totale di 49.335,00 euro.

Permanent link to this article: https://www.solidarietacaritasprato.it/wordpress/fondo-di-solidarieta-per-lemergenza-covid19-il-buon-samaritano/